lunedì 6 luglio 2009

L'Ovo



Mi sono innamorata di questa veduta classica e non ho resistito. Visto che rappresenta anche il Castel dell'Ovo ho pensato di chiamarla l'Ovo.

Una delle più fantasiose leggende napoletane farebbe risalire il suo nome all'uovo che Virgilio avrebbe nascosto all'interno di una gabbia nei sotterranei del castello. Il luogo ove era conservato l'uovo, fu chiuso da pesanti serrature e tenuto segreto poiché da " quell'ovo pendevano tutti li facti e la fortuna dil Castel Marino"

Da quel momento il destino del Castello, unitamente a quello dell'intera città di Napoli, è stato legato a quello dell'uovo. Le cronache riportano che, al tempo della regina Giovanna I, il castello subì ingenti danni a causa del crollo dell'arcone che unisce i due scogli sul quale esso è costruito e la Regina fu costretta a dichiarare solennemente di aver provveduto a sostituire l'uovo per evitare che in città si diffondesse il panico per timore di nuove e più gravi sciagure

2 commenti:

  1. Questo scorcio è molto bello!

    RispondiElimina
  2. Erne,non ho segnalato le dimensioni, è una pietra di una dozzina di cm di diametro, e i colori sono molto più caldi che in foto.
    Baci

    RispondiElimina

Grazie del tuo commento